Home    Contatti    Mappa    Cerca
Home page





Schede di counselling



Alimenti e farmaci che interferiscono con gli inibitori delle tirosin-chinasi



Gli inibitori delle tirosin-chinasi utilizzati per il trattamento della leucemia mieloide cronica Ph+ vengono assunti per periodi di tempo prolungati, ed è quindi importante sapere che la somministrazione contemporanea di alcuni farmaci può interferire con il meccanismo d'azione degli inibitori, aumentandone o diminuendone l'attività. Un aumento della concentrazione di inibitore nel sangue può avere come conseguenza la comparsa di effetti collaterali sfavorevoli, mentre d'altra parte una eccessiva diminuzione della concentrazione plasmatica può esporre a un fallimento terapeutico.

Inoltre, interazioni metaboliche sono possibili anche con alcuni specifici alimenti o bevande. Imatinib e dasatinib, a differenza di nilotinib, possono essere assunti in contemporanea col cibo, ma occorre comunque prestare attenzione a questi alimenti.

Interazioni fra inibitori delle tirosin-chinasi e farmaci

Tutti gli inibitori delle tirosin-chinasi in commercio interagiscono con alcuni enzimi presenti nel fegato (CYP 3A4), responsabili anche del metabolismo di altri farmaci. Per questa ragione, non solo l'assunzione contemporanea di alcuni farmaci può modificare, come detto, l'azione degli inibitori, ma anche questi ultimi, a loro volta, possono interferire con l'attività di altre sostanze. Per esempio, l'assunzione contemporanea di imatinib aumenta l'attività dell'anticoagulante orale warfarin, che dovrebbe quindi essere utilizzato con cautela nei pazienti in trattamento con inibitori tirosin-chinasici.

Fra i farmaci di uso comune in grado di interferire in vario grado con gli inibitori delle tirosin-chinasi vi sono:

  • antiacidi (gli inibitori di pompa protonica, quali omeprazolo e simili, e gli antagonisti H2, come la ranitidina),
  • antibiotici (quali l'itraconazolo),
  • antidiabetici,
  • preparati di ferro,
  • farmaci utilizzati per il controllo della pressione arteriosa,
  • antinfiammatori (aspirina, ibuprofene, paracetamolo).

Tuttavia, la lista dei farmaci potenzialmente in grado di alterare l'attività degli inibitori delle tirosin-chinasi è molto vasta e alcune differenze esistono fra i diversi inibitori. quindi importante, per chi è in trattamento con queste sostanze, ricordare alcuni punti essenziali:

  • Ogni eventuale medicazione che viene assunta durante il trattamento va riportata al proprio medico curante e concordata con lui. Se si è in trattamento con altri farmaci al momento dell'inizio della terapia con inibitori, questi vanno riferiti al medico. Allo stesso modo, se nuovi trattamenti si dovessero rendere necessari durante la terapia con inibitori, è necessario riportare la prescrizione al medico curante prima dell'assunzione delle nuove sostanze.
  • Queste precauzioni riguardano anche i farmaci "da banco" e i prodotti di automedicazione, per i quali è sempre bene richiedere l'autorizzazione del medico.
  • Anche alcune medicine "naturali" e prodotti a base di erbe possono potenzialmente interferire con il metabolismo degli inibitori delle tirosin-chinasi e il loro utilizzo va comunque concordato con il medico. Ad esempio, l'Hypericum perforatum, noto come erba di San Giovanni, può ridurre significativamente l'attività degli inibitori.

Interazioni fra inibitori delle tirosin-chinasi e cibo

Così come i farmaci, anche alcuni cibi possono interferire con il metabolismo degli inibitori delle tirosin-chinasi, modificandone l'attività. Fra i diversi inibitori, nilotinib è più esposto alle interazioni coi cibi (e la sua assunzione deve avvenire a distanza di almeno 2 ore da quella di alimenti) ma interazioni metaboliche con specifici alimenti sono state descritte anche per imatinib e dasatinib. Fra i cibi a cui prestare attenzione vi sono in particolare:

  • il succo di pompelmo e di altri frutti (come papaya, mirtillo rosso e melograno)
  • spezie (quali la noce moscata)
  • la liquirizia
  • prodotti e integratori alimentari a base di erbe (come l'echinacea, il ginseng e il ginkgo).

Anche in questo caso, il proprio medico potrà fornire le indicazioni corrette sui cibi di cui è consigliabile evitare il consumo, sulla base dello specifico inibitore con cui si è in trattamento. In generale, può essere utile fornire al medico un elenco degli alimenti consumati abitualmente, specie se non di uso comune, e ottenere la sua approvazione.

Messaggio finale

L'esecuzione corretta del trattamento con inibitori delle tirosin-chinasi è essenziale per l'ottenimento di un risultato terapeutico ottimale e per il controllo della leucemia mieloide cronica. Qualunque dubbio sull'opportunità o meno di assumere un determinato farmaco o alimento, anche se apparentemente banale, andrà quindi riportato senza timori al proprio medico, evitando così di scoprire a posteriori che una abitudine sbagliata può aver compromesso la propria terapia.

Bibliografia

  • Haouala A, Widmer N, Duchosal MA, et al. Drug interactions with the tyrosine kinase inhibitors imatinib, dasatinib, and nilotinib. Blood 2011;117(8):e75-e87.
  • Tinsley SM. Safety profiles of second-line tirosine kinase inhibitors in patients with chronic myeloid leukaemia. J Clin Nur 2010;19:1207-1218.

Scarica la scheda di counselling

   © LSWR 2013 - P.iva 08056040960
|   Home   |   Contatti   |   Mappa   |    Note legali   |    Privacy   |    Credits